Regione Puglia

AMO. Verso una resistenza poetica Incontro con Mauro Marino sulla poesia di Giulia Licci

Pubblicato il 14 dicembre 2016 • Cultura • Piazza della Liberta, 73049 Ruffano LE, Italia

Un paese si racconta attraverso i personaggi che lo vivono e che, a loro volta, lo raccontano. Si tratta spesso di persone poco conosciute, che narrano i fatti, la storia, la comunità, attraverso una lente altra, rispetto a chi la vive quotidianamente. Per conoscere meglio uno di questi personaggi, la Biblioteca Comunale “Don Tonino Bello” di Ruffano, ha organizzato per venerdì 16 dicembre alle ore 19.00, un incontro sulla poetessa ruffanese Giulia Licci dal titolo” AMO. Verso una resistenza poetica”,  incentrato sulle letture del poemetto Il Fondale del Mare tratto da “ Poesie” 1942-1998, Ed Scheiwiller, Milano 1998. Per poter analizzare la produzione poetica di una donna che è stata insegnante di italiano e filosofia in varie scuole d’Italia prima di ritornare nella sua Ruffano, dove ancora vive, si è voluto coinvolgere  Mauro Marino (Fondo Verri) grazie al quale si cercherà comprendere la personalità e soprattutto l’importanza letteraria delle sue opere. L’associazione Voce alle Donne, darà lettura di alcune delle poesie di una donna che ha vissuto, come scriveva Donato Valli “una realtà sociale e storica non condivisa e perciò spesso legata entro la sfera della favola che si veste di un linguaggio ludico”. Giulia Licci è citata nel volume Novecento Letterario Leccese, Ed Manni 2012 ed è considerata una voce originale nel panorama letterario salentino, studiata anche da critici noti come Nicola De Donno, che scrive la prefazione del poemetto di satire Il Branco.  L’incontro si terrà a partire dalle 19.00 presso la sede della Biblioteca Comunale in Piazza della Libertà e sarà moderato dall’operatrice culturale Monia Saponaro.

Info: Biblioteca Comunale Don Tonino Bello di Ruffano, Piazza Libertà,tel. 08331821254

Giulia Licci

Allegato 241.00 KB formato jpg
Scarica

Locandina evento

Allegato 42.00 KB formato jpg
Scarica